DOMENICA 17 SETTEMBRE

CERIALE  – ZUCCARELLO (Monte Croce mt. 541  e Monte Acuto mt.747).

Difficoltà:   Escursionistico (E)

Accesso: A10 Genova-Ventimiglia. Uscita a Borghetto Santo Spirito. Si prosegue per Ceriale e si sale sino al cimitero ove si lasciano i partecipanti. Nel  frattempo si provvederà  a portare alcune auto presso la caserma delle guardie forestali di Zuccarello,  ove arriveremo dopo effettuato l’intero percorso.

Caratteristiche:  Bella e facile escursione, ad anello, effettuabile in tutte le stagioni, anche se nel periodo caldo non è consigliabile sia per la vegetazione che può diventare invadente, sia per l”esposizione soleggiata del percorso (eventualmente va percorso di prima mattina).

Percorso: Si parte subito dopo il cimitero seguendo il segnavia “quadrato rosso vuoto” che ci accompagnerà per l’intero intero tragitto.

Dal cimitero si piega a destra, in via Piccardone, appena oltre una casa rossa.

Ci si inoltra tra uliveti e macchia mediterranea. Il percorso, piacevole e in moderata salita, con scorci sull’abitato e sul mare, prosegue verso est in direzione di Borghetto S.S.. Il sentiero si congiunge, con una traccia,  nei pressi del castello Borelli da dove si sale un po’ più decisamente, con percorso sempre più panoramico, portandosi suo versante di Borghetto.

Il sentiero continua a salire gradualmente sino al monte Picaro (mt. 281 – 1 h.) dove troviamo una bellissima cappelletta da dove si gode un panorama mozzafiato su tutta la costa (isola Gallinara dalla parte di Albenga e Pietra Ligure sul versante di Borghetto).

Si segue quindi fedelmente lo spartiacque.

Il sentiero, sempre ben segnato, si impenna verso la cima del Monte Croce (mt. 541 – h, 2,00).

Il panorama è uno dei più belli che si possono immaginare: il monte Croce, nonostante la sua modesta altezza, comincia ad essere un ottimo punto di osservazione anche sulle montagne circostanti (Carmo, Rocca Barbena, Acuto, Alpi Liguri) oltre che sul mare e su tuttala costa ligure.

Si prosegue sempre in cresta e sempre seguendo il nostro “quadrato rosso”: il sentiero per un tratto  perde progressivamente  quota  e ci porta a mt. 478.

Il percorso a saliscendi prosegue sempre sullo spartiacque e con gradualità ci porta ai piedi del monte Acuto (mt. 747) la cui vetta si raggiunge senza molte difficoltà (h. 3,00).

Di qui sempre seguendo il “quadrato rosso” si percorrono ancora vari saliscendi in un ambiente prettamente montano: si passa vicino ad alcune “caselle” in pietra di forma circolare, probabilmente antichi ripari.

Si prosegue godendo un magnifico panorama sia montano che marino e si giunge infine al santuario del Monte Croce. Dal Santuario volendo è possibile raggiungere un poggio circostante ove si trova un forte napoleonico ancora ben conservato (mt. 813 – 4,00 h.).

Scendendo dal poggio si prende il sentiero P5 – strada sterrata – e la si percorre per circa 1,5 Km sino ad incontrare una deviazione sulla destra. In questo punto il sentiero P5 si divide ulteriormente in due tratti: noi seguiremo il tratto di destra che si ricongiunge al sentiero P3.

Ora percorreremo la Valle Auzza: attraverseremo – prestando attenzione –  due volte l’omonimo ruscello.

Seguiremo ancora il sentiero P3 arrivando alle case della forestale, dove avevamo lasciato alcune macchine. Il gruppo può fermarsi  a visitare Zuccarello, mentre gli autisti ritorneranno a recuperare le macchine lasciate a Ceriale.

Zuccarello, dominato dalle rovine del castello dei Marchesi del Carretto, rappresenta uno dei rarissimi casi di borghi rimasti praticamente intatti dalla fondazione ed è considerato uno dei borghi medievali più belli d’Italia. Fondato nel 1248 dai valligiani e dai marchesi di Clavesana, fu più volte conteso per la sua posizione strategica nella valle del torrente Neva. La caratteristica principale e più suggestiva di Zuccarello sono le porte,  i suoi portici e le strade in galleria, il ponte sul Neva e la Chiesa parrocchiale di San Bartolomeo risalente al 1321.

Dislivello: 900 mt.             Tempo di marcia:   ore 6/7 circa              Dir. Gita:  Tonelli B.

Clicca sui LINK: → http://www.gulliver.it/itinerario/64835/
→ http://www.openstreetmap.org/#map=18/44.09745/8.23110&layers=CN