DOMENICA 4 MARZO 

AQ1 – SAN GOTTARDO – FORTE DIAMANTE – S.GOTTARDO

Difficoltà:   Escursionistico (E)

Accesso: Genova-Molassana. Dal Centro Commerciale di Piazzale Bligny-Val Bisagno si svolta a sinistra attraversare un ponte che conduce in Via Piacenza e  Via Emilia. Si raggiunge la chiesa di San Gottardo nei pressi della quale si parcheggia.

Caratteristiche: Suggestiva escursione nell’entroterra del Bisagno (anche su parte del’acquedotto)  con successivi bei panorami (dalla cima del forte Diamante) sulla Val Polcevera, su Appennino Ligure del versante di Ponente (Beigua) e del  versante di levante (Monte Fasce etc.).

Percorso: Dalla Chiesa di san Gottardo si imbocca Via Crosa dei Marchi seguendo su di essa il segnavie “due lineette rosse” AQ!. La strada prende quota andando a costeggiare un lavatoio. Dopo aver superato il lavatoio si incontra un bivio di “creuse”: poco dopo si intercetta l’antico acquedotto. Si svolta a sinistra seguendo fedelmente l’acquedotto fino ad una scalinata, andando a raggiungere un antico ponte sul Rio Trensasco dopo circa 35 minuti dall’inizio del percorso. Terminato il ponte si sbuca sull’asfalto dove bisogna piegare a sinistra per circa 200 metri e procedere su di esso tornando così a ripercorrere l’antico acquedotto, costeggiando di tanto in tanto alcune casette. Si incontra successivamente un cartello con indicazioni per il Forte Diamante abbandonando quindi l’acquedotto. Si procede in ripida salita all’interno di un boschetto raggiungendo che, con un qualche tornantino, il Monte Croce di Pinasco (263 mt.). Il percorso segue ora il crinale fin quando si sbuca sulla sterrata che dal Righi conduce alla baita del Diamante. Attraversando la sterrata bisogna seguire il sentiero che riparte sul lato opposto con indicazione per il Forte Diamante e il passo Giandino (mt. 460). Seguendo sempre l’indicazione per forte Diamante si procede su un sentierino che si addentra in un rado boschetto sino ad uscirne in prossimità della sella ovest del Diamante (555 mt.). Di qui seguiamo l’ampio sentiero con segnavia quadrato giallo che conduce al Forte Diamante. Dal Forte Diamante scendiamo prima alla Baita del Diamante (mt. 389), quindi al Valico di Trensasco da dove proseguiremo sino al monte Bastia (mt. 444) e al vicino monte Pinasco (313 mt.):   per poi riconnetterci con il sentiero dell’acquedotto (AQ1) che percorreremo per circa un quarto d’ora, raggiungendo subito dopo Via Crosa a San Gottardo, da dove eravamo partiti.

 

Dislivello salita e discesa:  860 mt.        Tempo di marcia: 5 circa           

Dir. Gita: Carpaneto Rosalba cel.3451743020 – Geloso Giuliano cel.3334820077  

 Cliccare sul Link per vedere la posizione sulla mappa:→http://www.openstreetmap.org/user/TY%20Raimondo/confirm?confirm_string=DDLVN2Ovna6bpfdYTWS5ZLcgQ5OGax

Cliccare sul Link per vedere il percorso:→http://my.viewranger.com/route/details/MTYwNTExMg%3D%3D

Cliccare sul Link per vedere altro:⇒http://www.mappeliguria.com/TRK-GE-057-AQ1.php